Blog

La nuova Raccomandazione del Consiglio d’Europa relativa alle competenze chiave per l’apprendimento permanente

Raccomandazione del Consiglio

 

L’Unione Europea ha diffuso la nuova Raccomandazione del Consiglio relativa alle competenze chiave per l’apprendimento permanente individuando le seguenti otto competenze:

Facciamo un confronto:

2006 2018
comunicazione nella madrelingua competenze alfabetiche funzionali
comunicazione nelle lingue straniere competenze linguistiche
competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia e ingegneria
competenza digitale competenza digitale
imparare a imparare competenze personali, sociali e di apprendimento
competenze sociali e civiche; competenze civiche
spirito di iniziativa e imprenditorialità; competenze imprenditoriali
 

consapevolezza ed espressione culturale.

competenze in materia di consapevolezza ed espressione culturale

 

Le società e le economie europee stanno vivendo un momento di notevoli innovazioni digitali e tecnologiche oltre a cambiamenti del mercato del lavoro e di carattere demografico. Molte delle professioni attuali non esistevano dieci anni fa e molte forme nuove di occupazione saranno create in futuro. Nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa” la Commissione sottolinea che “è probabile che la maggior parte dei bambini che iniziano oggi la scuola elementare eserciteranno un domani professioni attualmente sconosciute” e che per tenere il passo con tale cambiamento “occorrerà investire massicciamente nelle competenze e ripensare i sistemi di istruzione e di apprendimento permanente” […]

Le competenze sono definite come una combinazione di conoscenze, abilità e atteggiamenti, in cui:

a)  la conoscenza si compone di fatti e cifre, concetti, idee e teorie che sono già stabiliti e che forniscono le basi per comprendere un certo settore o argomento;

b)  per abilità si intende sapere ed essere capaci di eseguire processi ed applicare le conoscenze esistenti al fine di ottenere risultati;

c)  gli atteggiamenti descrivono la disposizione e la mentalità per agire o reagire a idee, persone o situazioni.

Le competenze chiave sono quelle di cui tutti hanno bisogno per la realizzazione e lo sviluppo personali, l’occupabilità, l’inclusione sociale, uno stile di vita sostenibile, una vita fruttuosa in società pacifiche, una gestione della vita attenta alla salute e la cittadinanza attiva. Esse si sviluppano in una prospettiva di apprendimento permanente, dalla prima infanzia a tutta la vita adulta, mediante l’apprendimento formale, non formale e informale in tutti i contesti, compresi la famiglia, la scuola, il luogo di lavoro, il vicinato e altre comunità.

Ci piace sottolineare che per la competenza digitale si espande al plurale (competenze digitali) “l’alfabetizzazione informatica e digitale, la comunicazione e la collaborazione, la creazione di contenuti digitali la programmazione e la sicurezza, l’essere a proprio agio nel mondo digitale e possedere le relative competenze alla cibersicurezza e alla risoluzione di problemi”

Gli Stati membri hanno sviluppa “l’offerta delle competenze chiave per tutti nell’ambito delle strategie di apprendimento permanente, tra cui le strategie per l’alfabetizzazione universale”, e ad avvalersi del quadro di riferimento europeo “Competenze chiave per l’apprendimento permanente”.

Le competenze richieste oggi sono cambiate: il futuro dei nostri ragazzi sarà confrontarsi con posti di lavoro automatizzati, le tecnologie svolgeranno un ruolo maggiore in tutti gli ambiti del lavoro e della vita quotidiana e delle competenze imprenditoriali, sociali e civiche diventano più importanti. l’impostazione sarà di resilienza e di capacità di adattarsi ai cambiamenti. Infatti nelle competenze si deve cercare di sviluppare nei giovani, attraverso conversazioni motivanti, un’esperienza in linea con le loro aspettative e che rivaluti in maniera ambientale una nuova modalità innovativa degli ambienti di apprendimento.

Approfondisci la relazione eurepea