Blog

Atto di accusa al sistema scolastico (By Prince EA)

Sta spopolando sul web un video virale apparso da qualche mese firmato Prince Ea, all’anagrafe Richard Williams, un rapper, poeta e produttore cinematografico statunitense.

Nel filmato l’artista ha messo in piedi un tribunale con tanto di giuria e giudice, ed ha portato sul banco degli imputati l’istituzione scolastica, con l’intento di dimostrare come la scuola di oggi sta commettendo un reato contro il futuro degli studenti, a causa di un sistema vecchio che non riesce a stimolare le abilità e le competenze degli alunni.

 

L’accusa

Albert Einstein una volta disse, ognuno di noi è un genio, ma se giudicate un pesce dalla sua capacità di salire su un albero, lui vivrà tutta la vita credendo di essere uno stupido”.

“… oggi sul banco degli imputati c’è l’attuale modello scolastico…Non solo chiede ai pesci di arrampicarsi sugli alberi, ma anche di calarsi giù…e correre per dieci miglia. Dimmi scuola, sei orgogliosa di ciò che hai fatto? Trovi divertente aver trasformato milioni di persone in robot? Quanti bambini hai trattato come fossero quel pesce? Messi a nuotare nelle aule senza trovare i loro talenti…a pensare di essere degli stupidi. A credere di essere inutili”.

“…chiedo che il sistema scolastico sia accusato di assassinio della creatività, originalità! E di violenza intellettuale. È una istituzione antica ed obsoleta”.

 

Le prove

“Questa è un’aula di oggi…e questa è una tipica classe di 150 anni fa. Non è una vergogna?

In molto più di un secolo nulla è cambiato. E tu affermi di preparare gli studenti al futuro? Ma con prove come questa le devo chiedere, prepari gli studenti per il futuro…o per il passato? Ho studiato il tuo passato e gli archivi mostrano che…tu sei stata ideata per insegnare alla gente a lavorare nelle fabbriche, ciò chiarisce il perché disponi gli studenti in file rettilinee…piacevolmente ordinate. Gli dite di restare seduti. Di alzare le mani se vogliono parlare…Gli date una breve pausa per mangiare e per 8 ore al giorno…Gli dite cosa devono pensare.

Oh, li fate competere per ottenere una A. Una lettera che determina la qualità del prodotto. Dunque carne di livello A. E pensano: “Ce l’ho fatta”.

” Il mondo è progredito ed ora c’è bisogno di persone che pensano in modo creativo, in modo innovativo, critico, indipendente, con la capacità di connettersi.

Vedete, non c’è scienziato che dica che esistono due cervelli uguali, ed ogni genitore con due o più figli confermerà questa affermazione. Dunque per favore spiegatemi perché trattate gli studenti come…formine per biscotti o cappellini da baseball”. 

“… ma se un dottore prescrive la stessa medicina a tutti i pazienti, il risultato sarebbe tragico. Molte persone si ammalerebbero. E quando vanno a scuola questo è esattamente quel che succede.

Questo è un pessimo sistema scolastico, nel quale un insegnante sta in piedi davanti a 20 ragazzi, ognuno dei quali ha differenti punti di forza, differenti bisogni, diversi talenti, diversi sogni. E tu gli insegni le stesse cose e nello stesso modo? Questo è orribile!”

 

Gli insegnanti

“È una vergogna. Intendo dire che gli insegnanti fanno il lavoro più importante al mondo e sono…sottopagati, è normale che molti studenti si sentano ingannati. Siamo onesti. Gli insegnanti dovrebbero guadagnare esattamente quanto i dottori, perché un dottore può operare un cuore e salvare la vita di un bambino. Ma un bravo insegnante può arrivare al cuore di quel bambino, e consentirgli di vivere pienamente.

Vedete, gli insegnanti sono eroi che sono spesso dannati, ma non sono un problema. Essi lavorano in un sistema che non gli offre molte opzioni e diritti. I corsi di studi sono scelti da politici, molti dei quali non hanno insegnato un solo giorno della loro vita”. 

“…se continuiamo su questa strada i risultati saranno letali. Io non ho fede nella scuola, ma ho fede nel popolo. Se possiamo personalizzare le cure, le auto e le pagine Facebook…allora è nostro dovere fare lo stesso per l’educazione. Per migliorarla, cambiarla”. 

 

La conclusione

“Questo dovrebbe essere il nostro compito. Basta omologare le anime. Raggiungiamo l’anima di ogni cuore in ogni classe…Diamo ad ogni talento le stesse opportunità.

So che può sembrarvi un sogno, ma nazioni come la Finlandia stanno facendo cose notevoli. Hanno giornate di scuola più brevi. Gli insegnanti hanno buoni stipendi. I compiti a casa non esistono e si concentrano sulla collaborazione invece della competizione. Ma qui viene il bello ragazzi e ragazze: il loro sistema scolastico supera quello di ogni altro Paese nel mondo. Altri Paesi come Singapore stanno migliorando rapidamente. Scuole come la Montessori. Programmi come il Khan Academy…

Non c’è un’unica soluzione, ma bisogna muoversi, perchè se gli studenti sono il 20% della nostra popolazione…sono il 100% del nostro futuro. Quindi lasciateli aspirare ai loro sogni e raggiungeremo risultati che neanche possiamo immaginare.

Questo è il mondo nel quale io credo. Un mondo dove un pesce non è costretto a salire su un albero.

Non ho altro da aggiungere“.

 

Per il video completo https://www.youtube.com/watch?v=CYk1bGKH1Iw